Indietro

Inserita martedì 20 aprile 2010

JBL VERTEC SUBCOMPACT

lI modulo passivo VT4886 ed il subwoofer VT4883 configurabile in stack a copertura cardioide sono stati espressamente progettati per applicazioni stand alone o come integrazione ad impianti VerTec di fascia più alta.

Marchi correlati:

JBL


lI modulo passivo VT4886 ed il subwoofer VT4883 configurabile in stack a copertura cardioide sono stati espressamente progettati per applicazioni stand alone o come integrazione ad impianti VerTec di fascia più alta.
Con l’obiettivo della massima resa e della precisione nella stima della copertura in sistemi a dimensione contenuta, JBL Professional ha presentato gli ultimi nati della nota seria VerTec, i più compatti della famiglia: il VT4886 elemento line-array passivo a tre vie ed il relativo subwoofer VT4883, installabile in configurazione a copertura cardioide.
Grande varietà di applicazioni Ideato come uno strumento versatile per il sound rental, i nuovi modelli ultracompatti VT4886 e VT4883 sono utilizzabili in molte situazioni, in appendimento a corto raggio o in stack a terra, e sono dotati di vari accessori utili nelle diverse tipologie di montaggio. La flessibilità d’uso è assicurata anche da un tool di progettazione che garantisce all’utilizzatore dei nuovi moduli una stima precisa del
risultato sonoro ottenibile. Le dimensioni estremamente contenute rendono il VT4886 ideale anche per distribuzioni front-fill o per l’uso sotto balconata. Gli elementi VT4886 possono essere disposti in array multibox in appendimento oppure a terra, di soli moduli satellite o anche in
combinazione con il relativo sub VT4883 per il FOH, per coperture off-stage o in stereo-fill, per cluster centrali o in delay.
Appositi U-bracket e punti di fissaggio su palo permettono di sostenere fino a quattro box VT4886 su singolo stativo tripod o su barra d’estensione se coordinati a subwoofer VT4883. L’hardware integrato per l’appendimento permette un assemblaggio veloce e sicuro dell’array, nei diversi angoli di curvatura necessari (che spaziano da 0° a 15° tra modulo e modulo) per stack verticali a curvatura variabile, o anche in schiere orizzontali a curvatura fissa.

Scarica la Press Release completa 
Pubblicato il martedì 20 aprile 2010
Multimedia & Social